Chiudi gli occhi

Il regista di World War Z e Neverland torna a raccontare un dramma contorto e conturbante che ricorda il suo Stay – il labirinto della mente. Il punto di forza è la sensualità trasmessa dal particolare montaggio. Attenzione, che potreste rimanere più spiazzati di quanto vi aspettiate.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.